Asociale

Dammi dell’altro materiale su cui fantasticare
Sono un’asociale lasciami pensare
A come respirare senza farmi notare

Affondo i pugni in tasca sai non ho mani da stringere
Ripeto le mie regole per fingere
E continuare questo incanto

E lasciami da sola con la mia testa
Sono lo sguardo che fugge dai tuoi occhi
Io sono la voce che non prende mai parola
E lasciami da sola con la mia testa
Io sono il viso confuso fra la folla
Fuggo gli eventi e mi trascino un’altra volta alla finestra

Ricoprimi di un telo magico sotto cui sparire
Sono un’asociale risparmiami ti prego
I simpatici commenti sui miei lunghi silenzi

E vado sola al cinema il buio sai è complice
Di trappole e di vita da confondere
Per continuare questo inganno

E lasciami da sola con la mia testa
Sono lo sguardo che fugge dai tuoi occhi
Io sono la voce che non prende mai parola
E lasciami da sola con la mia testa
Io sono il viso confuso fra la folla
Fuggo gli eventi e mi trascino un’altra volta alla finestra

Dammi dell’altro materiale su cui fantasticare
Sono un asociale lasciami pensare

Leave a Reply